Tomorrow Augmented

In fuga dal global warming: le migrazioni climatiche cambieranno il nostro pianeta

Secondo la Banca Mondiale, entro il 2050 ben 216 milioni di “profughi climatici” saranno costretti ad abbandonare le loro case. Un’emergenza demografica senza precedenti, già iniziata e che va gestita a livello mondiale.

Tempo di lettura: 4 minuti

 

I muri costruiti sui confini orientali dell’Europa o su quelli meridionali degli Stati Uniti serviranno a poco. Le migrazioni alle quali assistiamo oggi rappresentano solo un cubetto di ghiaccio rispetto all’iceberg dei futuri spostamenti di popolazioni innescati dal climate change. Dovremo fare i conti con un esodo biblico, che nei prossimi decenni rischia di cambiare volto al nostro pianeta: secondo un recente report della Banca Mondiale entro il 2050 i profughi climatici toccheranno quota 216 milioni (che scendono ad “appena” 44 milioni nello scenario più favorevole di stabilizzazione del riscaldamento globale).

Il fenomeno, preoccupante di per sé, si innesta sull’aumento della popolazione mondiale, destinata entro il 2100 a salire dagli attuali 7,8 miliardi a ben 11 miliardi di persone. Questa marea umana sarà costretta dal cambiamento climatico a vivere in spazi ridotti e con minori risorse per il proprio sostentamento. Nei soli Stati Uniti, secondo uno studio del Pew Research Center, nel 2065 gli immigrati rappresenteranno il 36% della popolazione, il doppio rispetto al 1965 e un considerevole aumento rispetto al 26% di oggi.

 

La fuga da eventi climatici estremi è già in corso

Non c’è tempo da perdere perché il problema è già qui. Secondo una recente analisi della Federazione Internazionale della Croce Rossa, la maggior parte delle oltre 30 milioni di persone che nel 2020 hanno dovuto abbandonare le loro case lo ha fatto per sfuggire a eventi climatici estremi. Qualche esempio: le ondate di siccità in Honduras e Guatemala, gli uragani nei Caraibi, le alluvioni nella fascia subsahariana del Sahel, ma soprattutto le inondazioni monsoniche in Bangladesh, che negli anni recenti secondo la Banca Mondiale hanno costretto alla fuga qualcosa come otto milioni di persone. Una massa di profughi climatici (mezzo milione l’anno secondo il ministero degli Esteri del Paese asiatico) che si stanno riversando in aree urbane come quella della capitale Dacca, ormai al collasso con 21 milioni di abitanti accalcati nelle baraccopoli in condizioni igienico-sanitarie precarie. Per adattarsi al climate change i Paesi in via di sviluppo avrebbero bisogno di almeno 40 miliardi di dollari l’anno, rivela uno studio dell’International Institute for Environment and Development, anziché dei 5,9 miliardi che ricevono attualmente.

L’emergenza demografica legata all’esodo di centinaia di milioni di persone rappresenta una sfida forse persino più impegnativa di quella della riduzione delle emissioni, ma a livello istituzionale viene spesso sottovalutata. In un pianeta afflitto dal cambiamento climatico è invece indispensabile una strategia globale per la redistribuzione della popolazione. Mentre Africa e Sudamerica continueranno a perdere milioni di migranti, l’invecchiamento demografico imporrà a Paesi ricchi come quelli europei o nordamericani (ma anche alla stessa Cina) di aprire le porte a nuovi lavoratori. Il Pew Research Center prevede entro il 2065 un incremento della popolazione statunitense a quota 441 milioni dagli attuali 324 milioni, aumento che sarà per l’88% legato ai nuovi immigrati e alla loro prole.

 

Fonte: stime Banca Mondiale

 

Coordinamento internazionale inesistente

Tutti questi problemi possono essere gestiti, le possibilità non mancano: in Canada e in Russia, per esempio, esistono territori sconfinati e spopolati che potrebbero accogliere i profughi del global warming. Ma a monte è necessario un forte coordinamento strategico internazionale, che al momento risulta inesistente. Alcuni Paesi come la Bielorussia o la Turchia, al contrario, utilizzano i migranti come arma di pressione politica contro l’Europa.

Lo stesso status legale di “profughi climatici” al momento è poco definito, almeno a livello di normativa internazionale, nonostante il problema sia stato sollevato durante le trattative degli Accordi di Parigi del 2015 e successivamente dalle Nazioni Unite nel 2018. Il risultato di questa inazione è che i milioni di migranti costretti dal global warming ad abbandonare i propri Paesi non riescono nemmeno a ottenere gli stessi diritti e la stessa protezione dei rifugiati. Senza le fondamenta di una cornice legale per riconoscere i “profughi climatici”, è difficile costruire una gestione internazionale delle migrazioni che ci aspettano nei prossimi anni. Ma il tempo stringe, e anche sui maxi spostamenti di popolazioni - come sulla temperatura del pianeta Terra - il rischio è di arrivare presto a un punto di non ritorno.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Il presente documento ha finalità unicamente informativa e i relativi contenuti non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. I pareri, le stime e le previsioni qui riportati sono il risultato di elaborazioni soggettive e potrebbero essere modificati senza preavviso. Non vi è alcuna garanzia che eventuali previsioni si concretizzino. Informazioni su terze parti sono riportate unicamente per fini informativi. I dati, le analisi, previsioni e le altre informazioni contenuti nel presente documento sono forniti sulla base delle informazioni a noi note al momento della predisposizione degli stessi. Pur avendo adottato ogni precauzione possibile, non viene rilasciata alcuna garanzia (né AXA Investment Managers si assume qualsivoglia responsabilità) sull’accuratezza, affidabilità presente e futura o completezza delle informazioni contenute nel presente documento. La decisione di far affidamento sulle informazioni qui presenti è a discrezione del destinatario. Prima di investire, è buona prassi rivolgersi al proprio consulente di fiducia per individuare le soluzioni più adatte alle proprie esigenze di investimento. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

Qualsiasi riproduzione, totale o parziale, delle informazioni contenute nel presente documento è vietata.

A cura e sotto la responsabilità di AXA Investment Managers Italia SIM S.p.A., Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, Tel +39 02 5829911, iscritta al n. 210 dell’albo delle SIM tenuto dalla CONSOB www.consob.it.

© AXA Investment Managers 2021. Tutti i diritti riservati.