Tomorrow Augmented

La tassonomia per investire in modo sostenibile

Al centro del Piano d'azione dell'Unione europea sulla finanza sostenibile, la tassonomia (classificazione) delle attività economiche sostenibili è destinata a giocare un ruolo centrale in futuro. Per ora si focalizza sui temi ambientali, ma quelli sociali sono in arrivo. C'è già chi la sta sperimentando.

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Definire quali sono i settori economici e le attività in cui è possibile investire in modo ambientalmente sostenibile per accelerare la transizione ecologica del modello di sviluppo: è questo il difficile compito che si è assunta l'Unione europea con il Piano d'azione sulla finanza sostenibile e in particolare con la tassonomia (classificazione) che ne sta al centro. Il suo scopo principale è tradurre gli obiettivi ambientali e climatici del Green Deal europeo in criteri utilizzabili dagli investitori per selezionare gli investimenti secondo criteri di sostenibilità.

 

Il Regolamento

Il Regolamento sulla Tassonomia indica i sei obiettivi ambientali al cui raggiungimento essa è finalizzata:

  • mitigazione dei cambiamenti climatici
  • adattamento ai cambiamenti climatici
  • uso sostenibile e protezione delle acque e delle risorse marine
  • transizione verso un'economia circolare
  • prevenzione e riduzione dell'inquinamento
  • protezione e ripristino della biodiversità e degli ecosistemi.

 

Le attività economiche che permettono di conseguire tali obiettivi vengono suddivise in:

  • attività che offrono un contributo sostanziale (al raggiungimento di uno dei sei obiettivi)
  • attività di transizione (per le quali non esistono alternative low-carbon praticabili ma che comunque sostengono la transizione green)
  • attività abilitanti (che consentono ad altre attività di offrire un contributo sostanziale agli obiettivi climatici).

Fonti:

EU Taxonomy for sustainable activities

- EU Taxonomy FAQ

- EU Sustainable Finance April Package - Factsheet

 

Il primo Atto delegato

Il Regolamento, adottato nel 2020, ha demandato a successivi Atti delegati la definizione dei criteri tecnici che determinano a quali condizioni un'attività economica si può considerare sostenibile o meno.

Ad aprile 2021, poi formalmente adottato a giugno 2021, è stato approvato l'Atto delegato che ha definito tali criteri in riferimento ai primi due obiettivi del Regolamento: la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici. L'approvazione è arrivata con ritardo per via dei contrasti emersi sul testo fra i co-legislatori europei (Parlamento e Consiglio UE). Entro quattro mesi, più eventuali altri due, dall'adozione dell'Atto delegato, il Parlamento e il Consiglio UE sono chiamati ad approvare definitivamente il testo.

Quanto previsto da questo primo Atto delegato entrerà in vigore dall'inizio del 2022. Nei prossimi mesi è invece prevista l'approvazione degli atti delegati riguardanti gli altri obiettivi ambientali, le cui previsioni normative entreranno in vigore a inizio 2023. Intanto è iniziato il lavoro anche sulla cosiddetta tassonomia sociale, che dovrà aiutare gli investitori a identificare gli investimenti sostenibili dal punto di vista sociale, ad esempio per quanto riguarda promozione e tutela dei diritti umani.

 

Complessità e impatto

L'impianto della tassonomia è piuttosto complesso, per giunta è destinato ad essere rivisto e aggiornato nel tempo. Per facilitarne comprensione e utilizzo, la Commissione europea ha predisposto sia una lista di FAQ, sia un tool online, vera e propria bussola per orientarsi nella tassonomia.

Nonostante l'alto livello di complessità, anche prima della sua effettiva entrata in vigore la tassonomia ha già iniziato a produrre effetti. Da tempo, ad esempio, un gruppo di investitori internazionali ha iniziato a sperimentarla, indicando una serie di raccomandazioni per il suo utilizzo.

«La tassonomia "verde" - commenta Lorenzo Randazzo, Senior Institutional Sales Manager di AXA Investment Managers - è un passo indispensabile per favorire la conoscenza, la trasparenza e la diffusione degli investimenti responsabili. Nell'ambito della strategia europea sulla sostenibilità si tratta di un contributo decisivo in cui viene definito un linguaggio comune e un riferimento importante per tutto il mondo finanziario. Ci auguriamo che l'esperienza maturata in ambito Green possa gettare le basi per la tassonomia, altrettanto attesa, in ambito Sociale».

 

Ti potrebbe interessare anche:

Disclaimer

Per il disclaimer clicca qui: Informazioni importanti